Esperienza in verticale con il formaggio di Andrea Bezzi

“Assaggia questo formaggio ”; “mmm buono!, “a me piace meno”, “è dolce”, “ma com’è salato”, “che gusto forte”, ecc. Degustare non è solo assaggiare, è qualcosa in più. Coinvolge vista, tatto, olfatto, gusto se poi degusti insieme a chi lo ha prodotto, magari Andrea Bezzi, sei coinvolto anche con l’udito, è un chiacchiera che è sempre interessante ascoltare.

Siamo stati da Andrea, in Valle Camonica, una domenica mattina proprio mentre faceva il formaggio; è’ sempre disponibile e gentile e ci ha fatto fare un’esperienza davvero bella: un verticale coi suoi formaggi, una degustazione a tutti gli effetti.

Sul tagliere improvvisato mette una formaggella Tonalina, poi due formaggi di malga di diversa stagionatura e infine “formai de tara” l’ottomila di una degustazione verticale … la “tara”non è per tutti, è un’ascensione senza bombole che satura le papille”.

La cortesia di Andrea, ci offre un assaggio con formaggio e salumi

La cortesia di Andrea, ci offre un assaggio con formaggio e salumi

Ma cos’è un verticale: è una degustazione di formaggi a diversa stagionatura prodotti col latte delle mucche di una medesima azienda lavorato magari nel caseificio annesso, meglio se con la stessa mano di un casaro. Colore, consistenza, aroma, gusto si differenziano man mano che si passa a formaggi di diversa stagionatura: dal bianco della formaggella alle tonalità di giallo dei formaggi stagionati, fino al “ruggine” del “formai de tara”. Quest’ultimo un prodotto tipico e generalmente molto apprezzato da chi vive in Valle Camonica, gustato magari con della polenta calda.

Il tagliere di Andrea Bezzi dove spicca il formaggio di tara

Il tagliere di Andrea Bezzi dove spicca il formaggio di tara

La pasta è elastica, morbida nella formaggella più fresca mentre aumenta la durezza e la friabilità man mano che le forme stagionano. Per apprezzare il profumo è sempre meglio spezzare il pezzo e annusarlo, infine il gusto, cioè assaggiamo, mettiamo in bocca il pezzo e gustiamo, finalmente!.

Ci sono gli esperti della degustazione, certo, nulla toglie però all’esperienza personale che risveglia, ricordi, sensazioni, impressioni, se vi capita, è un’esperienza che merita di essere vissuta. Se poi avete la fortuna di degustare dei formaggi sinceri allora la voglia di ripetere è forte.

Stiamo preparando il tagliere di Andrea, sei interessato? 🙂 Lasciaci i tuoi contatti ti informeremo appena è pronto.

Formaggio di tara: gli 8000 dei verticali


Il tagliere di formaggi: cortesia, passione e orgoglio

VIVI L’ESPERIENZA DEL VERTICALE

Vivi l’esperienza del verticale a casa tua, compila il modulo che trovi qui sotto, oppure visita Andrea Bezzi in estate a Case di Viso [clicca qui]

POST CORRELATI